Shaka Header

08 04 2106

NERONE,LIVIA

La giornata alla grotta degli animaletti con i ragazzi dell'ospedale di Subiaco è andata benissimo. Pace e serenità permeavano l'aria; prima di entrare la curiosità era tanta, accompagnata anche da un po' di perplessità, ma la voglia di capire ed affrontare la grotta era molta di più. L'ingresso, un po' stretto, non è stato un ostacolo neanche un istante ed il primo approccio con "l'altra faccia della terra" è andato liscio come l'olio, con la piena naturalezza. Appena ci siamo ritrovati tutti nella prima sala Nerone ha spiegato le particolarità della grotta, come mai si chiami "degli animaletti" e come è stata scoperta. Abbiamo proseguito strisciando nel basso cunicolo fino ad arrivare ad un punto in cui il soffitto si alza, permettendoci di stare seduti in cerchio. Abbiamo spento le luci e ci siamo lasciati ammantare dal buio. Valentino, uno dei due ragazzi, si è trovato talmente a suo agio nella grotta che ha preso l' iniziativa di andare avanti, seguito da me e Camillo, (un dottore davvero speciale), ed ha trovato, oltre a delle tracce di istrice, anche una piccola pozzetta in cui abbiamo visto "gli animaletti" che danno il nome alla grotta. Giunti alla fine della grotta siamo tornati indietro, abbiamo raggiunto gli altri e siamo usciti. Uscire dalla grotta è sempre fantastico ma questa volta lo è stato forse di più..
Siamo rimasti seduti vicino all'ingresso, in contemplazione delle emozioni appena vissute e dell'ambiente che ci circondava, poi abbiamo bivaccato, riso, parlato. Ci siamo tutti messi in gioco pronti a confrontarci, abbiamo condiviso esperienze, idee, curiosità. Una lieve pioggia è intervenuta per rendere ancora più sacro quel momento.
Poi siamo tornati in sede, dove nel relax totale abbiamo continuato a stare bene insieme.
Ci siamo salutati nel pomeriggio con la sensazione di aver fatto qualcosa di speciale e grandioso, sperando con tutto il cuore che giornate come queste possano ripetersi.
Sento di voler dire un grande grazie a Nerone che come dicono i ragazzi "è un Angelo di nome e di fatto", ed un grande grazie anche ai ragazzi e a Camillo, che in un solo giorno mi hanno insegnato moltissimo e mi hanno arricchito l'anima. 

Joomla templates by a4joomla